Rosaria Iazzetta

 

Corsi

News

POSTCOLONIALE, GLOBALIZZATO O DECOLONIZZATO?

Lecture/Workshop di Magnus Bartas, David Elliott e Rachel Rits-Volloch

mercoledì 16 maggio 2018

(Seguono in locandina dettagli orario)

POSTCOLONIALE, GLOBALIZZATO O DECOLONIZZATO?

di Magnus Bartas, David Elliott e Rachel Rits-Volloch

Lecture/Workshop

Evento realizzato in collaborazione con la Konstfack University of Arts, Crafts and Design di Stoccolma

[Giorno 16 e 17 MAGGIO 2018] Aula Magna e Aula di Scultura n°2

Crediti assegnati: 1cf

Coordinatrice Prof.ssa Rosaria Iazzetta

Abstract

Lo scultore contemporaneo, ormai multimaterico a quali approcci si affida e da quali si difende, e perché lo fa? Lo scopo delle nuove concettualità nelle forme tridimensionali hanno adempito a nuove necessità sociali e politiche, da quali stilemi intende allontanarsi o definirsi? La divaricazione tra l’oggetto e il contenuto può dirsi definitamente solidificata? Il testo, l’azione, il video, la relazione hanno una considerazione materica nella valutazione dell’estetica? Il fattore sociale può dirsi efficace e funzionale in uno stato di non estetica? In assenza di forma e di contenuti possiamo ancora parlare di scultura? La contestazione politica e sociale da quali forme di rappresentazione si allontana? A quali ambisce? A queste e tante altre questioni, attuali e necessarie la Lecture e poi il workshop del Professore e artista Magnus Bartas e dei Direttori e curtori David Elliott e Rachel Rits-Volloch, si strutturerà, per un ampio dibattito e confronto al fine di definire, quello che realmente sta accadendo nella nuova scultura oltre la storia e la politica territoriale.

Info

Magnus Bartas, terminato il dottorato alla Gothenburg University nel 2010, è Professore e Capo Ricerca alla Konsafack University of Arts and Design di Stoccolma (Svezia). Insegna arte concettuale, film, documentari, film sperimentali, text art, installazione e disegno. Le sue lezioni sull’arte contemporanea sono connesse alla storiografia, microstoria, cultura popolare, politica e letteratura. Il corpo lavoro di Bartas parte da figure di pensiero materializzate fino ad esperimenti per condizioni spaziali e temporali con la fotografia, il video, i film, i testi, il disegno, il ricamo e gli oggetti. Tutto il lavoro di Bartas è rappresentato dalla Moderna Museet di Stoccolma, dal Museo d’Arte di Norrkopings e di Jonkoping, dal consiglio delle Arti del Governo di Stoccolma, dalla Comunità di Sollentuna, di Norrtalje, di Uppsala e di Gavle, e dall’Archivio d’Arte di Smaland e di Stoccolma.

David Elliott segue i corsi di storia moderna dell'Università di Durham e di storia dell'arte del Courtauld Institute of Art di Londra. Diventa responsabile artistico all'Arts Council di Londra, e nel 1976 direttore del Modern Art Oxford, fino al 1996. Dal 1996 al 2001 è direttore del Moderna Museet di Stoccolma, nel 1995 è tra i curatori per la Hayward Gallery di Londra, nella mostra itinerante “Art and Power”. Fra il 2001 e 2006, Elliott è Direttore del Mori Art Museum di Tokyo. Nel 2007 Direttore del Museo Istanbul Modern, dal 2008 al 2010 e’ Direttore della 17esima Biennale di Sydney dal titolo “The Beauty of Distance: Songs of survival in a precarious age”. Direttore artistico della 1ª Biennale di Kiev del 2012, ha in attivo numerose internazionali Lecture in Istituzioni, e eventi culturali extra museali. E’ presidente onorario del Triangle Art Network/Gasworks di Londra e fa parte del comitato consultivo del Guggenheim Museum di New York per l'arte asiatica. Attualmente Direttore del Redtory Museum of Contemporary Art di Guangzhou, Cina.

Rachel Rits-Volloch si è laureata all'Università di Harvard in letteratura e ha conseguito un dottorato presso l'Università di Cambridge in Studi cinematografici, è oggi Direttore e fondatore di MOMENTUM. MOMENTUM nato nel 2010 a Sydney, in Australia, come evento parallelo alla 17° Biennale di Sydney, si è trasferito a Berlino nel gennaio 2011 e da allora si è evoluto in una piattaforma globale con sede a Kunstquartier Bethanien Art Center. Sin dalla sua fondazione, Rachel ha curato e organizzato oltre 65 mostre internazionali, in collaborazione con oltre 450 artisti. Nata a Riga, Rits-Volloch è attualmente residente a Berlino, avendo già vissuto e lavorato negli Stati Uniti, nel Regno Unito, ad Amsterdam, a Tokyo, a Istanbul e a Sydney.